Campionato SERIE D

Il Fasano porta via da Trani un punto che muove la classifica

19.11.2017

Prezioso pareggio del Fasano sull'ostico campo della Vigor Trani, ancora imbattuta tra le mura amiche. I biancazzurri di Laterza, sotto per 1-0 nel primo tempo, disputano una ripresa migliore degli avversari, pareggiano e vanno più volte vicino al raddoppio. Baresi bravi nelle ripartenze, fasanesi migliori sotto il punto di vista del possesso palla. In una domenica in cui pareggiano le capoliste Bitonto e Gallipoli, è bagarre pazzesca, con sei squadre in quattro punti.

Laterza ha confermato in blocco la formazione che ha battuto il Casarano nella semifinale di andata giovedì pomeriggio: unica novità Amodio al posto del match winner Corvino. Il Fasano inizia subito in maniera veemente, tenendo con personalità un baricentro alto. La Vigor, sorpresa dall’approccio biancazzurro, fatica a gestire il possesso accontentandosi spesso di sparacchiare il pallone in avanti. Ciononostante, è Pellegrino a doversi impegnare nella prima parata della partita all’11’, quando devia in angolo un tiro di Zambetta. Ed è proprio il classe ’99 tranese l’unico in grado di impensierire Anglani e compagni: non a caso è lui al 19’ a rubare palla ad Amato ed a servire un pallone che l’ex Camporeale non può sbagliare per il vantaggio, a sorpresa, dei padroni di casa. La reazione del Fasano non arriva e la partita si incanala sui binari dell’equilibrio e della battaglia ingaggiata a centrocampo fino al duplice fischio dell’arbitro.

Nella ripresa Laterza opta per un doppio cambio per dare la scossa: fuori Amodio e Fumarola e dentro Corvino e Richella. E anche oggi la mossa del mister paga: al 49’, infatti, è proprio Corvino a battere la punizione del pareggio fasanese con Ganci che è il più lesto a raggiungere il pallone dopo l’iniziale tentativo di Amato. Passano quattro minuti e i biancazzurri potrebbero addirittura ribaltarla: l’altro subentrato, Richella, vede il movimento di Gennari in profondità e lo serve ma la punta chiude troppo il diagonale e la sfera sfila sul fondo. Sembra il preludio ad un crescendo ospite ma la partita si fa progressivamente più confusa, con entrambe le squadre stanche, oltre che nervosa. A farne le spese è Telera che all’83’ lascia i suoi in dieci dopo essere stato ammonito per la seconda volta. L’ultimo, velleitario tentativo di una gara nel complesso avara di emozioni è di Camporeale ma la conclusione non impensierisce Pellegrino.

 

Vigor Trani - Us Città di Fasano 1-1
Reti:
19’ Camporeale (T), 49' Ganci (F).

Vigor Trani: Sansonna, Rizzi, Valido, Arena, Telera, Monopoli, Zambetta (86' Nannola), Bruno, Fernandez, Camporeale, Sisalli (76' Martinelli). A disp.: Orizzonte, Cepele, Di Meo, Rociola, Cantatore. All. Massimo Pizzulli.
Us Città di Fasano: Pellegrino, Pugliese, Gubello, Ganci, Anglani, Amato, Serri, Fumarola (46' Richella), Gennari, Amodio (46' Corvino), Bernardini. A disp.: Lacirignola, Pistoia, Liuzzi, Leggiero, Cellamare. All. Giuseppe Laterza.
Arbitro: Lencioni di Lucca.
Note: spettatori 1.000 circa, quasi 200 fasanesi. Espulso all'83' Telera (T) per doppia ammonizione; ammoniti Camporeale, Zambetta, Bruno, Fernandez (T) e Serri (F).

Commenti

Beffardo pareggio per la Juniores del Fasano
“La solidarietà è spesa bene allo stadio”