Coppa Italia

Battuto il Casarano nella gara di andata

17.11.2017

Va al Fasano la gara di andata della semifinale di Coppa Italia di Eccellenza. A deciderla un gol dell'ex Vincenzo Corvino, ad un quarto d'ora dalla fine, al termine di una gara condizionata dal campo allentato dalla pioggia e dal forte vento. Meglio il Casarano nel primo tempo, Fasano più convincente nella ripresa e che recrimina.anchr per un evidente fallo di rigore a tempo scaduto.

Al 2’ prima occasione di marca salentina, Pignataro approfitta dello scivolone di un avversario e conclude dal limite, Pellegrino controlla. Replica fasanese con Ganci al 12’, il destro dal limite del centrocampista è debole e centrale e Milli fa buona guardia; al 16’ Pellegrino esce tempestivamente per sbarrare la strada a Pignataro lanciato a rete, la sfera termina sui piedi di Quarta il cui tiro non è irresistibile ma è comunque determinante Amato a spazzare via con la porta sguarnita. Caputo protagonista al 21’: il numero 11 ospite ci prova direttamente su punizione, seppur da posizione laterale, e costringe Pellegrino alla deviazione in angolo. Sugli sviluppi del corner, acrobazia di Casalino con il pallone che esce di un nulla. Nel finale, sale in cattedra Quarta che conquista palla a centrocampo, si libera in dribbling di un paio di avversari e spara verso la porta: destro deviato in corner dal corpo di Anglani. Si va negli spogliatoi sullo 0-0.

primi quindici minuti della ripresa raccontano di una gara intensa, maschia ma con zero occasioni, complici i tanti errori commessi dalle due squadre. Al 21’ è il Fasano ad avere una grossa chance: a costruirla Richella, subentrato a Gennari, che innesca Serri sull’out destro, l’esterno entra in area ed esplode un diagonale violento la cui corsa termina sull’esterno della rete. Ancora padroni di casa pericolosi al 26’, Fumarola impatta di testa un cross proveniente dalla corsia mancina, traiettoria centrale che Milli disinnesca.

Al 31’ il Fasano sblocca il match: Girardi conquista palla sulla mediana e verticalizza nello spazio per Corvino, l’ex Nardò si invola verso Milli e lo supera con un piazzato che l’estremo difensore rossazzurro riesce solo ad accarezzare. Il Casarano abbozza una reazione al minuto 39, Casalino sventaglia la sfera in area di rigore, Vergori incoccia di testa ed impegna Pellegrino all’intervento in angolo. Al 43’ cross di Gubello, Serri anticipa l’avversario in gioco aereo ma non trova lo specchio. Nel recupero, proteste fasanesi per una caduta in area di Girardi, il signor Iannella lascia correre nonostante l'evidente fallo.

Finisce 1-0 e la gara di ritorno si giocherà il 30 novembre.

Commenti

Il sogno chiamato finale, ma prima bisogna battere il Casarano
Dopo il successo in Coppa, Fasano vuole far bene a Trani