Campionato Serie D girone H

Per il Fasano ancora una trasferta amara in terra campana

18.11.2018

Terza sconfitta lontano dal ‘Curlo’ per il Fasano, la seconda in terra campana nel giro di una settimana in una giornata triste per la comunità biancazzurra per la morte di Fabiano Colucci, giovane calciatore fasanese protagonista della promozione in Eccellenza nella stagione 2016/17.  Questa volta a festeggiare è il Nola. Sconfitta analoga a quella di domenica scorsa non solo per il punteggio (3 a 1) ma per il rango dell’avversario, come il Gragnano impegnato nella bagarre per non retrocedere. 

Tanto rammarico dunque per due partite dal finale amaro che con un altro risultato avrebbero spalancato orizzonti esaltanti in classifica. Evidentemente alla squadra manca l’ultimo fondamentale step, essere concentrati sia con le squadre blasonate che con quelle in lotta per non retrocedere.

La partita. Primo tempo equilibrato con occasioni per Forbes e Nadarevic che però non riescono ad impegnare il portiere. Dall’altra parte il Nola va vicinissimo al gol con Scielzo su cui però si supera Guarnieri che manda il pallone sulla traversa.

Nella ripresa il Nola indirizza la partita tra i minuti 51 e 56, con una doppietta di Esposito: la prima rete arriva con un tap-in su incertezza di Guarnieri, la seconda con una staffilata che finisce all’angolino. Il Fasano tenta la reazione ma sul colpo di testa di Colombatti Gragnaniello è prodigioso. I biancazzurri riescono a riaprire i giochi ad un quarto d’ora dal termine con Forbes che ribadisce in rete dopo un’altra prodezza del portiere di casa su Montaldi, ma nel finale i bianconeri approfittano delle praterie lasciate dal Fasano e in contropiede chiudono la partita ancora con Esposito che firma la tripletta personale.

Ora il Fasano attende in casa il Savoia, squadra che precede il Fasano con i suoi 16 punti al nono posto in classifica.

Ciccio Cofano

Commenti

Il Fasano dà forfait a Cerignola: finisce 3-0 il match del “Monterisi”
Giovanili, prima storica vittoria per gli Allievi regionali