Juniores Nazionale

1-1 tra Fasano e Taranto nel primo match del 2019

12.01.2019

Finisce 1 a 1 il match valido per la 15^ giornata del campionato Nazionale Juniores del girone M tra Città di Fasano e Taranto 1927, disputatosi al campo comunale di Montalbano.

La posta in palio era altissima per entrambe le squadre perché avevano bisogno di fare punti, infatti è stato un incontro molto battagliato, nel quale nel primo tempo entrambe le squadre sono state imprecise rendendo la prima fase di gioco un po’ noiosa; nella ripresa, invece, i rossoblù sono partiti meglio, creando varie occasioni da gol e al 65’ sono passati in vantaggio grazie alla rete di Dettoli.
I ragazzi di mister Vito Costantini hanno cercato di pareggiare l’incontro negli ultimi 20 minuti di gioco e hanno trovato la rete grazie ad un’azione rocambolesca decisa infine dal difensore Maggi che di destro ha insaccato la palla nella porta avversaria.
Negli ultimi minuti entrambe le squadre hanno cercato di vincere l’incontro, ma ciò non è bastato e la partita si è conclusa sul risultato di 1 a 1.
Il prossimo incontro per i biancazzurri sarà contro il Bari in trasferta sabato prossimo alle ore 14:30.

TABELLINO:
Città di Fasano: 1. Sibilio, 2. Scardicchio (K), 3. Ngracanj, 4. Schena, 5. Maggi, 6. Vitti, 7. Muolo, 8. Tisci, 9. Lenoci, 10. Lanzone, 11. Pantaleo.
A disposizione: 12. Notaristefano, 13. Santoro, 14. D’Elia, 15. Brescia, 16. Scarafile, 17. Potenza, 18. Zito, 19. Ranieri, 20. Gjoka. all. Vito Costantini
Taranto 1927: 1. Martinese, 2. Carrozzo, 3. Fago, 4. Caracciolo, 5. Patronelli, 6. De Vivo, 7. Coronese, 8. Dettoli (K), 9. Serafino, 10. Vapore, 11. D’Elia.
A disposizione: 12. Giammarruto, 13. Venneri, 14. Semeraro, 15. Scatigna, 16. Loconte, 17. Messina, 18. Boccuni, 19. Sangermano, 20. Chiochia. all. Graziano Gori 
Arbitro: sig. Dario Acquafredda (sez. Molfetta); 
assistenti: sig. Leonardo Grimaldi (sez. Bari), sig. Riccardo Mele (sez. Lecce).

Mariano Cannone

Commenti

La Juniores esordisce nel 2019 con tanti volti nuovi
Fasano sconfitto, ma quante recriminazioni