image desctription

News Seniores

TESSERATO MARIANO DEL COL: TERZO ARGENTINO PER LA DIFESA BIANCAZZURRA

TESSERATO MARIANO DEL COL: TERZO ARGENTINO PER LA DIFESA BIANCAZZURRA

Un altro argentino per la difesa dell’U.S. Città di Fasano, dopo Gorzelewski e Callegari: è il 28enne Mariano Fernando Del Col.

Nato a Buenos Aires il 7 gennaio 1993, doppia cittadinanza e con passaporto italiano (la nonna ha origini friulane), alto 175 cm, gioca da esterno difensivo o di centrocampo a destra o da mezzala, pur avendo iniziato la carriera come attaccante esterno in Argentina. 

Arriva dal Francavilla sul Sinni dove ha disputato la seconda parte della scorsa stagione, totalizzando 19 presenze e segnando ben 4 gol (anche 2 assist). Alla squadra lucana era arrivato dall’Acireale (7 presenze). In D ha giocato anche con il Troina (30 presenze e 2 gol) nella stagione 2017/18: il club siciliano fu il primo a credere in lui dopo che Del Col aveva quasi deciso di lasciare il calcio, anche a causa di un infortunio, quando in patria giocava con il Chacarita (serie B). Poi per lui due campionati di Lega Pro: a Siracusa e con la Vibonese, per un totale di 46 partite.

“Sto lavorando con il gruppo dalla scorsa settimana - le prime parole del neo-biancazzurro - in questi due giorni di riposo per la squadra dopo il ritiro a Camigliatello, io non mi sono fermato: mi alleno seguendo un programma personalizzato datomi dal preparatore atletico prof. D’Oria. Dei nuovi compagni conosco Battista, con cui ho condiviso l’esperienza di Vibo Valentia in C, raggiungendo i playoff. Peccato non aver ritrovato Melillo, guarda caso andato al Francavilla dove ero io nella scorsa stagione. Lui per me è come un fratello: abbiamo iniziato insieme nelle giovanili del Boca e poi ci siamo ritrovati al Troina. Ora ci affronteremo da avversari”. E sugli obiettivi: “Il presidente D’Amico ci ha chiesto un campionato da protagonisti e noi cercheremo di accontentarlo. E’ stato costruito un Fasano con giocatori importanti per la categoria”.

Benvenuto, Mariano!

Fasano, 31 agosto 2021

 

UFFICIO STAMPA

 Vito Contento

(Ph. Riccardo Dibiase)